VIA CRUCIS

  • News

Le ragioni della nostra speranza 

 

All’inizio di una Settimana Santa così particolare, in cui il rischio di sentirci soli, magari distratti dalle preoccupazioni quotidiane di una nuova “normalità” cui ci stiamo difficilmente abituando, siamo stati introdotti, noi genitori degli studenti del Liceo Linguistico W. Shakespeare, insieme ai nostri figli e agli insegnati, da un gesto piccolo, ma di grandissimo valore. 

Lo scorso venerdì, 3 aprile, alle 12:15, guidati dal giovane insegnante di religione, ci siamo trovati nuovamente davanti allo schermo, ormai indispensabile strumento di relazione, insieme ai nostri figli per celebrare insieme la Via Crucis, come tradizione per il nostro liceo. Quest’anno non sulle rive del Serio, non in cammino al seguito della Croce, ma seduti al tavolo o alla scrivania. L’attenzione e la creatività che hanno permesso di non venir meno a questo momento sarebbero stati in sé motivi sufficienti di gratitudine, nonostante l’iniziale sensazione di un “di meno” rispetto all’esperienza degli anni passati. 

Eppure, per chi è stato presente, anche questo piccolo gesto ha mostrato come non siano le circostanze, se pure limitanti, a dettare il valore della compagnia reciproca:” ritrovarsi insieme” per guardare ragazzi e docenti leggere alcuni testi letti e per ascoltare le riflessioni proposte da don Pier Giorgio dice di una tensione personale e comunitaria che illumina e fa nuovo ogni altro gesto che la realtà ci impone.

Culmine del gesto il canto che alcuni studenti e docenti hanno preparato per tutti: prova tangibile di una unità che il “distanziamento sociale” non può scalfire. 

Buona Settimana Santa a tutti, dunque, iniziata nel modo migliore. 

A
A
F
G
A F G